Spunti di riflessione: La dieta chetogenica migliora le capacità cognitive e comportamentali

Siccome l’anno scolastico è iniziato per la maggior parte dei bambini, il tempismo della pubblicazione di un recente articolo dei Paesi Bassi sull’Epilessia e Comportamento sembra più che opportuno! Questo studio ha valutato se la dieta chetogenica ha migliorato gli aspetti del comportamento, l’apprendimento e la memoria indipendentemente da crisi e farmaci.

A questa domanda è molto difficile rispondere. I genitori spesso diranno che il loro bambino che soffre di epilessia sta andando meglio a scuola ed è “più calmo” dopo mesi di utilizzo della dieta chetogenica, ma questo è dovuto a 1) l’uso ridotto di farmaci sedativi, 2) meno convulsioni, o 3) al miglioramento dell’elettroencefalografia? Come potete immaginare, cercare di mantenere le stesse variabili quando si inizia la dieta può essere una sfida durante un trial clinico.

Ma è importante… uno studio del nostro centro nel 2006 ha trovato che il 90% delle famiglie aveva un miglioramento cognitivo come obiettivo per iniziare la dieta chetogenica. E… se il loro bambino ha avuto un miglioramento nell’apprendimento, è stato molto legato alla durata di permanenza della famiglia nella dieta (ancora più legata alla riduzione delle crisi epilettiche!).

Solo studi limitati, in particolare uno studio di Pulsifer et al. di 15 anni fa, hanno cercato di affrontare la questione e hanno trovato segni di miglioramento con l’uso della dieta chetogenica.

Nuovo studio sulla dieta chetogenica in relazione all’epilessia infantile

Questo studio di Ijff e colleghi è un grande passo nella giusta direzione per dimostrare che la dieta sembra aiutare. Come analisi collaterale di un grande studio randomizzato e controllato della dieta chetogenica in relazione all’epilessia infantile, questo gruppo ha esaminato non solo le crisi, ma anche varie scale dettagliate dell’umore, del comportamento, del vocabolario, delle emozioni e della memoria. Hanno testato 28 bambini sulla dieta chetogenica (e 22 che hanno continuato i farmaci senza cambiamenti) al inizio e poi di nuovo a 4 mesi.

Cosa hanno scoperto?

  • I bambini che hanno seguito una dieta chetogenica hanno ottenuto punteggi migliori rispetto al gruppo di controllo per quanto riguarda il “vigore” (energia), la “produttività” e il “comportamento ansioso e disturbo dell’umore”.
  • l’Affaticamento, il deficit di attenzione, il comportamento autistico e la depressione non erano diversi.
  • Per quanto riguarda l’apprendimento, c’è stato un miglioramento nella comprensione delle parole nel Peabody Picture Test, ma non ci sono state altre differenze evidenti.
  • Solo il “vigore” è stato collegato alla riduzione delle crisi… in altre parole, tutti gli altri risultati positivi ottenuti erano indipendenti dalle crisi!

Questa è una buona notizia per i genitori e suggerisce che la dieta chetogenica può avere alcuni effetti limitati, ma positivi su alcuni aspetti del comportamento (e forse sulla cognizione). La maggior parte dei centri di dieta chetogenica non garantiscono mai tali risultati alle famiglie, ma forse c’è qualche prova ora che ci permetterà di farlo?

Rimanete sintonizzati per ulteriori ricerche in questo campo!

Riferimenti

Ijff DM, Postulart D, Lambrechts DAJE, Majoie MHJM, de Kinderen RJA, Hendriksen JGM, Evers SMAA, Aldenkamp AP. Cognitive and behavioral impact of the ketogenic diet in children and adolescents with refractory epilepsy: A randomized controlled trial. Epilepsy Behav 2016;60:153-157.

Farasat S, Kossoff EH, Pillas DJ, Rubenstein JE, Vining EP, Freeman JM. The importance of parental expectations of cognitive improvement for their children with epilepsy prior to starting the ketogenic diet. Epilepsy Behav 2006;8:406-410.

Pulsifer MB, Gordon JM, Brandt J, Vining EP, Freeman JM. Effects of ketogenic diet on development and behavior: preliminary report of a prospective study. Dev Med Child Neurol 2001;43:301-306.